ITA | ENG
12 Ottobre 2013

La Normativa dai consigli di Valle ad oggi

L’Assemblea Costituente, nel 1947 grazie ad un emendamento proposto da pochi deputati, aggiunge all’art. 44 un ultimo comma, che recita: “La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane”.

La prima legge sulla montagna risale al 1952.

Le comunità montane nascono con la legge n. 1102/1971, che attribuiva alle Regioni la loro delimitazione e costituzione, con partecipazione obbligatoria dei comuni montani. La loro finalità era quella di rappresentare e tutelare la specificità della montagna, in attuazione dell’art. 44 della Costituzione.  Le Comunità Montane, inoltre, furono connotate giuridicamente e dotate di autonomia statuaria nell’ambito della legge statale e regionale.

Gli articoli 28 e 29 della legge n. 142/1990 e poi nell’art. 7 della legge n. 265/1999 – confluito negli articoli 27 e 28 del TUEL  di cui al decreto legislativo n. 267/2000 – hanno definito la natura, il ruolo e le funzioni delle Comunità Montane.

Successivamente, la legge n. 97 del 1994, modificativa ed integrativa della legge 1102/71, ha individuato le finalità principali delle Comunità Montane nella promozione e valorizzazione delle zone montane, nella realizzazione degli interventi speciali per la montagna stabilit dall’Unione europea o dalle leggi statali e regionali.

Nel 2001, con la legge costituzionale n.3 viene dato avvio al processo di riforma del Titolo V della carta fondamentale della Repubblica Italiana del 1948. Il Titolo V riguarda le norme relative ai governi locali.

La legge n. 244 – Finanziaria 2008 (articolo 2, commi 16-22) ha imposto una revisione e riduzione delle Comunità Montane, contestualmente alla riduzione dei trasferimenti erariali a loro favore, nel presupposto della razionalizzazione e semplificazione.

Ad oggi, questo processo è ancora oggetto di discussione politica in sede parlamentare.


Iscriviti alla newsletter