CONTATTI:

Tel. 0250330500
Email corso.edolo@unimi.it

Progetto promosso da:

MIUR Ministero dell'Istruzione, dell'Iniversità e della Ricerca

 

Università degli Studi di Milano

news

scegli la categoria
< indietro

Incontro con il prof. Henk Schouten dell’Università Olandese di Wageningen

27/02/2017 10:50   ·  Didattica

Martedì 28 febbraio alle ore 14, presso la sala riunioni della Fondazione Fojanini, ci sarà un incontro scientifico con il prof. Henk Schouten dell’Università Olandese di Wageningen.

Il ricercatore  è uno dei massimi esperti europei di biotecnologie, impegnato da anni nella ricerca di nuove varietà di frutta, con il breeding tradizionale e molecolare. Il Professore illustrerà le moderne tecniche di miglioramento genetico applicato nello specifico alla coltura del melo e le nuove cultivar resistenti ai patogeni presenti nella sua collezione sperimentale.

L’intento dell’incontro è quello di individuare insieme al Professore, nuovi percorsi biotecnologici, alla ricerca di nuove cultivar di melo, riconoscibili esclusivamente con il territorio valtellinese.

 

 

 

Dr. Henk Schouten curriculum 

Esperto di genetica, lavora presso l’Università di Wageningen in Olanda, uno dei maggiori centri europei impegnati nella ricerca applicata. I principali campi di interesse del ricercatore sono:

  • Biotecnologia
  • Mappatura genetica
  • Breeding molecolare
  • Mappatura molecolare
  • Biotecnologia vegetale
  • Breeding delle piante
  • Fitopatologia

Nel settore frutticolo, il Professore è fortemente impegnato nella messa a punto di varietà di melo resistenti alle patologie, sfruttando le potenzialità delle nuove tecniche di miglioramento genetico, tra cui la cisgenesi. L’Istituto di ricerca ha arricchito una varietà di Gala con il gene di resistenza alla ticchiolatura con la tecnica della cisgenesi, lavorando nel contempo al carattere “polpa rossa” sia su Gala che su Junami, presenti entrambe nella collezione pomologica dell’Istituto. Il professore collabora anche con una piccola, innovativa compagnia danese chiamata Inova Fruit B.V. Una grande parte di questa collaborazione è stata dedicata allo sviluppo di mele cisgeniche. In virtù di ciò e in collaborazione con diversi gruppi di ricerca in EU sono stati clonati 3 geni di resistenza dal melo, Rvi6 (Vf), Rvi15 (Vr2), and Rvi18 (V25) isolando questi geni con i loro nativi promotori esattamente come in natura.

 

Il professore ha all’attivo più di 70 pubblicazioni in buona parte dedicate alla coltura del melo.

 

Martedì 28 febbraio alle ore 14, presso la sala riunioni della Fondazione Fojanini, abbiamo il piacere di invitarla all’incontro scientifico con il prof. Henk Schouten dell’Università Olandese di Wageningen.

Il ricercatore è uno dei massimi esperti europei di biotecnologie, impegnato da anni nella ricerca di nuove varietà di frutta, con il breeding tradizionale e molecolare. Il Professore ci illustrerà le moderne tecniche di miglioramento genetico applicato nello specifico alla coltura del melo e le nuove cultivar resistenti ai patogeni presenti nella sua collezione sperimentale. L’intento di questo incontro è quello di individuare insieme al Professore, nuovi percorsi biotecnologici, alla ricerca di nuove cultivar di melo, riconoscibili esclusivamente con il territorio valtellinese.

Il presidente Fondazione Fojanini

Flavio Bottoni

Dr. Henk Schouten curriculum

Esperto di genetica, lavora presso l’Università di Wageningen in Olanda, uno dei maggiori centri europei impegnati nella ricerca applicata. I principali campi di interesse del ricercatore sono:

 
  • Biotecnologia

  • Mappatura genetica

  • Breeding molecolare

  • Mappatura molecolare

  • Biotecnologia vegetale

  • Breeding delle piante

  • Fitopatologia

Nel settore frutticolo il Professore è fortemente impegnato nella messa a punto di varietà di melo resistenti alle patologie, sfruttando le potenzialità delle nuove tecniche di miglioramento genetico, tra cui la cisgenesi. L’Istituto di ricerca ha arricchito una varietà di Gala con il gene di resistenza alla ticchiolatura con la tecnica della cisgenesi, lavorando nel contempo al carattere “polpa rossa” sia su Gala che su Junami, presenti entrambe nella collezione pomologica dell’Istituto. Il professore collabora anche con una piccola, innovativa compagnia danese chiamata Inova Fruit B.V. Una grande parte di questa collaborazione è stata dedicata allo sviluppo di mele cisgeniche. In virtù di ciò e in collaborazione con diversi gruppi di ricerca in EU sono stati clonati 3 geni di resistenza dal melo, Rvi6 (Vf), Rvi15 (Vr2), and Rvi18 (V25) isolando questi geni con i loro nativi promotori esattamente come in natura.

Il professore ha all’attivo più di 70 pubblicazioni in buona parte dedicate alla coltura del melo.

news correlate

Master Universitario in “Governance dei servizi ecosistemici e dei Pes per lo sviluppo economico delle aree interne”

L’Università degli Studi del Molise, il Centro di Ricerca per le Aree Interne e gli Appennini (ArIA), con il patrocinio di Legambiente e Fondazione Montagne Italia ed in collaborazione con Lands Network srl, hanno istituito per l’anno accademico 2017/2018 la prima edizione del Master Universitario di II livello in “Governance dei servizi ecosistemici e dei Pes per lo sviluppo economico delle aree interne”. La Legge...

3/11/2017   ·  Didattica

Il futuro delle regioni a forte sviluppo turistico – più di un semplice modello di business

Dal 23 e 24 giugno 2017 a Pontresina, presso il Centro Congressi e Cultura Rondo, ci sarà un Convegno nazionale della Commissione Interaccademica di Ricerca Alpina (ICAS) con l’Istituto per la ricerca sulla cultura grigione e Avegnir Engiadin’Ota sul futuro delle regioni a forte sviluppo turistico. Il convegno del 23 e 24 giugno a Pontresina analizza la situazione odierna del turismo alpino e discute alcune soluzioni possibili: alla luce...

17/3/2017   ·  Didattica   ·  Istituzionali

Lavorare nel settore forestale-ambientale: opportunità in una società in transizione

Giovedì 23 Febbraio, presso l’Aula Magna “Guido Bossi” UNIVPM (polo Monte Dago) di Ancona, si terrà il convegno “Lavorare nel settore forestale – ambientale: opportunità in una società in transizione“. Le foreste sono una tematica spesso marginale in una società complessa e globalizzata come quella odierna, ma che cattura l’attenzione pubblica in occasione di eventi eccezionali, quali incendi, tsunami o deforestazione. Invece, passano in secondo piano...

16/2/2017   ·  Didattica

Turismo sostenibile per la montagna: inizia il corso di perfezionamento

Edolo, Febbraio 2017 – La prima settimana di marzo, presso l’Università della Montagna di Edolo inizierà il corso di “Turismo sostenibile per la montagna”, un corso di perfezionamento finalizzato a fornire le competenze necessarie per la gestione turistica nel territorio montano. Il 6 marzo 2017 inizierà il Corso di Perfezionamento di Turismo Sostenibile per la Montagna, organizzato dall‘Università della Montagna di Edolo in partnership con...

15/2/2017   ·  Didattica

ERASMUS Placement – 12 posti messi a disposizione da Unimont a Bruxelles, Innsbruck e Vila Real (Portogallo)

Si è aperta giovedì 2 febbraio la possibilità per gli studenti Unimont (inclusi gli studenti post-laurea, purché selezionati prima del conseguimento del titolo) di candidarsi per usufruire di un periodo di studio all’estero, finalizzato allo svolgimento di un tirocinio formativo. Unimont mette a disposizione 12 posti di cui: 1 posto presso la Coopération Bancaire pour l’Europe (CBE) a Bruxelles; 1 posto presso la sede della...

3/2/2017   ·  Didattica
< indietro

legenda icone area news

News
Editoriali
News
Didattica
News
Ricerca
News
Servizi
News
Istituzionali

Cerca nel sito

Utilizza questo strumento per cercare all'interno di tutti i contenuti del portale. Per una ricerca più specifica visita le sezioni Didattica, Ricerca e Servizi.

Note Legali

Credits

Il portale di UNIMONT è sviluppato su piattaforma WordPress.

Grafica e programmazione sono a cura di Paper Plane Factory.

Ricerca additiva: Mavida snc