Progetto promosso da:

MIUR Ministero dell'Istruzione, dell'Iniversità e della Ricerca

 

Università degli Studi di Milano
Area Ricerca

progetti di ricerca

affina la tua ricerca
università
università
  • ADRION
  • ANCI
  • Attività Culturali e Turismo
  • Azienda Regionale Veneto Agricoltura
  • Compagnia San Paolo
  • Confartigianato Imprese
  • Corpo Forestale dello Stato
  • COST
  • Fondazione Cariplo
  • Fondazione della Comunità Bergamasca
  • Fondazione della Comunità Bresciana
  • Fondazione Fojanini di Studi Superiori
  • Fondazione Novartis
  • Fondazione Politecnico di Milano
  • Horizon 2020
  • ISTAT
  • Ministero del Lavoro e Politiche Sociali
  • Ministero dello Sviluppo Economico
  • Mountain Research Initiative
  • Osservatorio del Paesaggio della Provincia autonoma di Trento
  • Regione Emilia Romagna
  • Regione Friuli Venezia Giulia
  • Regione Lombardia
  • Regione Piemonte
  • Regione Veneto
  • UNCEM
  • Università di Firenze
  • Università di Milano
  • Unimont
  • Unioncamere Lombardia
  • Unione Europea
  • Università di Padova
  • Università di Torino
  • Università degli Studi della Tuscia
  • Università degli Studi di Milano
  • University of Trás-os-Montes e Alto Douro
  • University of Veterinary Medicine Vienna
aree di interesse
aree di interesse
  • Agricoltura
  • Alimentare
  • allevamento
  • Altro
  • Ambiente
  • Assestamento forestale
  • Biochimica
  • Biodiversità
  • Biologia animale
  • Biologia vegetale
  • Blende learning
  • Botanica forestale
  • Chimica
  • Clima
  • Coltivazioni Arboree
  • Conservation
  • Costruzioni rurali e territorio agroforestale
  • Cultura - Culture
  • Economia
  • Economia ambientale
  • Energia
  • Entomologia
  • Estimo ambientale
  • Fauna
  • Fisica
  • Fisiologia
  • Foreste
  • Frammentazione del fondo
  • Genetica forestale
  • Gestione del Territorio
  • GIS - geographic information system
  • Idraulica Agraria
  • Imprenditoria
  • Informatica
  • Information technology
  • Lingua straniera
  • Marketing
  • Matematica e Statistica
  • Meccanizzazione agroforestale
  • Microbiologia agraria
  • Mobilità
  • Normativa per la montagna
  • Patologia delle piante
  • Pedologia
  • Pianificazione territoriale
  • Produzioni zootecniche
  • Project Management per la montagna
  • Risorse Idriche
  • Selvicoltura
  • Sicurezza
  • Sistemazioni Idraulico Forestali
  • Socio Economico
  • Tecnologia
  • Tesi di Laurea
  • Trasporto
  • Turismo
  • Viticoltura
  • Zoologia
  • Zootecnia
< indietro
Nome progetto
Area di Interesse

Progetto PSR 2014 – 2020 “Buone pratiche per il recupero, la coltivazione e la valorizzazione di cultivar locali tradizionali lombarde (REliVE-L)”

informazioni
Anno di inizio:
2017
Stato progetto
In corso
Ente promotore
Regione Lombardia
Referente scientifico
Graziano Rossi
Ricercatore di riferimento
Luca Giupponi
Altri ricercatori coinvolti

Anna Giorgi;

Simone Orsenigo;

Ilda Vaggi;

Elena Tazzari.

Descrizione progetto di ricerca

Il progetto, finanziato nel 2017 dalla Regione Lombardia nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 – MISURA 1 “Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione”, inizia a novembre 2017 e si concluderà alla fine di aprile 2019. È stato presentato come proposta dall’Università di Pavia (capofila), Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente (DSTA), che con la sua Banca del Germoplasma Vegetale custodisce i semi di molte cultivar tradizionali locali lombarde; in questa occasione collabora con l’Università di Milano (partner), Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali-Produzione, Territorio, Agroenergie (DISAA) e Centro Interdipartimentale di Studi Applicati per la Gestione Sostenibile e la Difesa della Montagna (GeSDiMont)/Polo di Edolo (BS)/Università della Montagna (UNIMONT).

Il progetto interesserà tutto il territorio regionale, con specifico riferimento alla zona alpina, appenninica e planiziale. La Legge nazionale 194/2015 sulla conservazione dell’agro-biodiversità, dal titolo ”Disposizioni per la tutela e la valorizzazione della biodiversità di interesse agricolo e alimentare”, mette al centro delle azioni di conservazione gli agricoltori ed in particolare riconosce come figura centrale nella salvaguardia di queste entità gli “agricoltori custodi” delle cultivar tradizionali (art. 2 comma 3), che sono coloro a cui questo progetto si rivolge in modo speciale.

 

Per definizione, una cultivar locale tradizionale (in inglese landrace) è una varietà locale di una coltura che si riproduce per seme o per propagazione vegetativa con una popolazione variabile, comunque ben identificabile e che usualmente ha un nome locale. Non è stata oggetto di miglioramento genetico, è caratterizzata da un adattamento specifico alle condizioni ambientali e di coltivazione di una determinata area ed è strettamente associata con gli usi, le conoscenze, le abitudini, i dialetti e le ricorrenze della popolazione umana che l’ha sviluppata e/o continua la sua coltivazione. Le cultivar locali tradizionali rappresentano quindi la memoria storica e biologica dell’agricoltura; in molti casi, sono caratterizzate da interessanti sapori ed eccellenti proprietà nutrizionali, rispetto alle varietà moderne, tanto da essere utilizzate come ingredienti per gustosi piatti tipici della tradizione locale. Inoltre, hanno spesso un’elevata capacità di tollerare gli stress sia biotici (parassiti) che abiotici (cambiamento climatico, come la siccità) e pertanto sono di grande interesse attualmente, sia per l’agricoltura convenzionale che biologica. Tuttavia, a causa della loro ridotta produttività, nell’ultimo secolo, molte cultivar locali tradizionali sono oramai cadute in disuso, sostituite da cultivar moderne, molto più produttive, ma di solito meno interessanti sul piano del gusto. Si tratta pertanto di entità a forte rischio di erosione genetica se non di estinzione, che necessitano di essere salvaguardate.

 

Il progetto informativo, in particolare, sarà calibrato sulle cultivar che si possono riprodurre di anno in anno con i propri semi e che in genere non sono disponibili sul mercato sementiero standard, sia ortive che cerealicole. Divulgare le buone pratiche per il recupero e il mantenimento delle sementi e per la gestione delle coltivazioni di queste cultivar “speciali” diventa dunque importante, se non strategico, per tentare di salvaguardarle, ma anche per migliorare la qualità dei prodotti agroalimentari delle aziende lombarde, incrementare l’occupazione giovanile e favorire lo sviluppo sostenibile regionale, con importanti ricadute sul territorio locale (sviluppo o rilancio di piccole filiere alimentari, eventi locali a carattere gastronomico e turistico, come le sagre di paese).

Dato che le cultivar tradizionali locali, per la loro corretta coltivazione, necessitano di capacità tecniche ormai perse e in gran parte da recuperare, ma anche dell’ausilio dei moderni mezzi offerti dalla scienza (come la capacità di individuare e contenere le micotossine che si possono sviluppare sui cereali), il progetto vuole fornire agli agricoltori interessati a diventare “agricoltori custodi” o già produttori di cultivar tradizionali “ritrovate”, ma anche ai tecnici agronomi, i necessari strumenti tecnici e le opportune conoscenze per operare una corretta conservazione in situ (on farm) delle cultivar tradizionali locali, anche attraverso tecniche avanzate di mantenimento in purezza e per poter riprodurre semente di qualità (autoproduzione, avvio di piccole ditte sementiere), attraverso tecniche specifiche sia di coltivazione che di conservazione delle sementi (home seed bank), al fine di realizzare nuove filiere produttive e nuove possibilità di reddito.

 

SEMINARI

Obiettivi del progetto

Nell’ambito della Tematica Specifica “Miglioramento e innovazioni nella gestione delle coltivazioni e degli allevamenti (produttività qualità e sostenibilità)”, il presente progetto intende migliorare le conoscenze e le competenze degli agricoltori in merito alle caratteristiche delle cultivar tradizionali locali lombarde, al fine di promuoverne la coltivazione (o ritorno in coltura) ed incrementarne i possibili sbocchi commerciali, al fine di creare nuove piccole filiere produttive, sia in area di pianura che in area montana e per l’agricoltura biologica.

 

Queste azioni porteranno ad un miglioramento nella gestione delle coltivazioni, che saranno maggiormente incentrate sulla conservazione dell’agro-biodiversità (cultivar tradizionali) e sulla differenziazione dei prodotti: tale miglioramento, da un lato si tradurrà in un minore impatto ambientale (maggiore sostenibilità delle colture) e dall’altro in un maggiore sviluppo economico delle aziende che coltiveranno prodotti diversificati e di maggiore qualità, sia dal punto di vista organolettico che nutrizionale, e di rinnovato interesse presso i consumatori, sempre più alla ricerca di tali specialità.

Partner coinvolti

ReliVE-L è un progetto finanziato da Regione Lombardia nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (Misura 1 “Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione”) a cui partecipano l’Università degli Studi di Pavia (Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente) e l’Università degli Studi di Milano (Centro di Studi Applicati per la Gestione Sostenibile e la Difesa della Montagna, Dipartimento di Scienze Agrarie e ambientali – Produzione, Territorio, Agroenergia).

Contatto di riferimento
Graziano Rossi

ti potrebbe anche interessare

Nome progetto
Area di Interesse

news

FORUM AGRICOLTURA DI MONTAGNA

Prospettive e sfide per il 2020 Mercoledì 13 dicembre a Roma, presso il NH Corso d’Italia, l’agricoltura di montagna al centro di un incontro strategico...

leggi

CIME A MILANO

L’11 e il 12 dicembre 2017, l’Università Statale di Milano sarà teatro della seconda edizione di CIME A MILANO, un evento interamente dedicato alla ricerca e all’innovazione...

leggi

Presentazione della rassegna racCONTA LA MONTAGNA

In occasione di CIME A MILANO – Reti, Ricerca, Innovazione per le Montagne, iniziativa organizzata da UNIMONT – sede distaccata ad Edolo dell’Università degli Studi...

leggi

UNIMONT a “Il Cibo delle Alpi”: un evento dedicato ai progetti di valorizzazione della Cultura Alimentare Alpina

Sabato 2 dicembre, alla Casa Museo di Cerveno (BS), la Professoressa Anna Giorgi di UNIMONT – centro di Eccellenza dell’Università degli Studi di Milano – in...

leggi

UNIMONT al Convegno “EUSALP. Opportunità e sfide per il sistema alpino”

Lunedì 4 dicembre al Teatro di Rete 7 Theatrum Sabaudiae di Torino, UNCEM organizza un incontro per capire come rendere i territori e le comunità i veri protagonisti della...

leggi
Segnala

SEGNALA!

HAI UN CORSO O UN PROGETTO DA SEGNALARE AL PORTALE?
Compila il form a tua disposizione per entrare a far parte del network Unimont!

segnala! >

catlist_istituzionaliIl marchio Unimont contraddistingue tutte le attività didattiche e di ricerca sviluppate e/o approvate dall’Università della Montagna, che mirano allo sviluppo e alla valorizzazione dei territori montani, in un’ottica di sostenibilità e salvaguardia ambientale, sociale e economica.

legenda icone area ricerca

università della montagna

Progetti di ricerca, Pubblicazioni e Bandi dell'Università della Montagna.

tipologie pubblicazioni

Scientifiche
Applicative
Tesi

tipologie bandi

Bandi
di finananziamento
Jobs

aree di interesse

Alimentare
Ambiente
Agricoltura
Clima
Culturale
Energia
Gestione
del Territorio
Mobilità
Risorse
Idriche
Selvicoltura
Socio
Economico
Turismo
Zootecnia
Altro

Cerca nel sito

Utilizza questo strumento per cercare all'interno di tutti i contenuti del portale. Per una ricerca più specifica visita le sezioni Didattica, Ricerca e Servizi.

Note Legali

Credits

Il portale di UNIMONT è sviluppato su piattaforma WordPress.

Grafica e programmazione sono a cura di Paper Plane Factory.

Ricerca additiva: Mavida snc